un’apparizione

 
 la vidi appena fuori l’hotel
alta un metro e un respiro
 scura e  linda nel vestito di cotone
da un bath,forse due…
 stringeva il manico plastificato
di un ombrellino
 d’organza bianco..
quasi a far ombra 
al  sorriso riflesso nei suoi occhi..
 alle nove di un radioso
mattino con il cento per cento
di umidita’nell’aria ero gia’
 uno straccio bagnato…
lei aspettava me,
ospite gradita
di un popolo fiero..
e quanto mai lontano.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

14 risposte a un’apparizione

  1. xtrex ha detto:

    ciao bella donna……i ricordi e le immagini che si fissano sulla retina  a volte ci accompagnano talmente tanto ……….stranamente  sono proprio i particolari (come l’organza) a dare la forza al ricordo fissandolo come fosse una colla che non lascerà mai  sbiadire la nostra preziosa emozione……
    lieta di appartenere a un popolo fiero 🙂
    ciao ariel un bacione ti aspetto con gioia 🙂

  2. Massimo ha detto:

    Cacchio i Police …di solito le reunion fanno un pò schifo (cioè bisogna saper accettare di "essere passati") … però, per noi nostalgici, risentire i loro pezzi (mai sentiti) dal vivo dev’essere una bella emozione. Però li ho saltati perchè in questa lunga estate il lavoro è tanto e preferisco vedere concerti un pò più "moderni" (sabato sono a Ferrara dai Verdena). Ma dai Genesis, penso proprio di andarci. Vergognandomene un pò, dato che loro sì, sono davvero trapassati e che oramai raramente riesco a mettere un loro lp sul giradischi – a proposito di attrezzi obsoleti. C’è tanta altra musica buona con cui riempire l’aria … però lo devo fare per onorare la mia prima gioventù di ascolti vergini e un mancato contatto con un loro concerto del 1980 (o 1981 … boh?) a Tirrenia. Il camper con gli amici si ruppe a 50 km dalla meta … questa volta ci andrò in treno!Si lo so, fa tanto da reduce sinistroide alla Fabio Fazio … mai sono gratis e ne approfitto anche per stare qualche giorno a Roma: mi sembra comunque un bell’affare.
    Ciao (e ciao anche a Chiara)

  3. Stefano ha detto:

    ….quel genere di apparizione lì l’ebbi anch’io una sera a rimini, ma poi fui portato alla dura realtà quando ella mi chiese 50 euro x consumare….:-)….:-)…ciaooooo

  4. Dott. Paolo ha detto:

    Forse ho postato un intervento del genere perché vivo io stesso un’ucronia. 😉
    Sì, mi hai riconosciuto: indosso la maschera del mio fratellastro perché voglio la pace nel mondo…un mondo fatto di Paoli Bitta per l’appunto.
    Mi ha sempre affascinato molto il mondo orientale, vorrei tanto poter approfondire la mia conoscenza di quell’universo!
    Un sorriso e un saluto

  5. Dott. Paolo ha detto:

    Non sono un filosofo…ma un ingegnere 😉

  6. Daniele ha detto:

    Questa poesia (ma è una poesia?) fa molto anni trenta, specialmente l’ombrellino.

  7. Daniele ha detto:

    Ma io pensavo più a kekko kamen l’eroina giapponese che copre il suo volto e scopre il suo corpo! Credo che come paladina della giustizia sia più indicata in una città come la mia…

  8. I ragazzi della 3°E ha detto:

    bello!!!
    cos’è? l’inzio del romanzo;-)
    fa venire in mente il film di Annaud L’Amante tratto dal romanzo di M. Duras…
     
    cia’!…che sei molisana?

  9. micky ha detto:

    sapevo che il caporale veniva dal caso di p. montero, ma questo è il primo libro di vargas llosa che leggo…dunque non sono l’unico che si sente male leggendo cavie! quando ho letto la storia delle sorgenti di acqua bollente e del ragazzo che si tuffa per salvare il cane mi si è fermato il cuore… brrr!!!ora sto aggredendo altri libri, ne parlerò domani, forse, se trovo il tempo. sono molto preso dalla preparazione di un esame e non riesco a fare tutto quello che voglio, eheh…

  10. mic ha detto:

    E chi ebbe la visione?

  11. Dott. Paolo ha detto:

    Non sono un ingegnere, era solo un indizio per farti capire il post. In realtà ho studiato economia (e ho quasi finito). Va meglio così? :p

  12. xtrex ha detto:

    E mi vedrai….Alta uguale,
    Vestita di nero,
    Stringerò l’immancabile cellulare….
    Dal display pieno di fastidiosi riflessi
    Che cercherò di toglier con l’altra mano
    Mentre ti stò scrivendo …
    🙂 sono arrivata …e a te quanto manca?
    Stai attenta che nella statale devi entrare alla prima rotonda,
    Seguire le indicazioni e attenta al senso unico!
    Vai piano mi raccomando….
    Fai tranquilla tanto ho prenotato
    Vedrai che posto delizioso……
     
     
    PS:A proposito la prossima……
    Volta avremo altri ospiti che si aggregano alla allegra brigata……:)
     
    ppss:i tuoi guanti con crema sono fantantici  🙂
    E adesso torno a letto a rigirarmi ahahahaha
     Un bacione donna riccioluta….Amica dell’west….

  13. serena ha detto:

    Ciao ariel…
    non è facile dire certe cose a certe persone soprattutto se non ci si è abituati…
    però tu hai perfettamente ragione ed è quello che farò quando avrò una famiglia mia 🙂
    Grazie per gli auguri!
     
    Mi piace questo post, ogni parola è scelta sapientemente e ti fa immaginare questa donna con l’ombrellino…
     
    Ciao e buona domenica 🙂

  14. Bruno ha detto:

    Grazie degli auguri 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...